copertina

upstaris

sezioni

gu legge


utenti registrati 108


Reviviscenze
Flussi di incenso
si rapprendono nel gelo

una nube si dirada
tra sonnambule maree

prati declivi
dove il danno
non è castigo

da quando aveva un nome
non riusciva più a sentire

fatiscenze
rarefazioni
la mia stirpe adulterata

cerco un corpo
da non restituire
una coscienza
da non risanare

torna
riesplora l'origine
è da te che si congeda
l'immagine riflessa

è un volto senza voci
un velo che redime
la pietra che delimita
l’enigma degli avi

coro in delirio
il silenzio si fa ascolto

voglio contemplarti
in questo tempo possibile

fragile
indistinta

come qualcosa
che inattesa si consegna

nessuna connessione
la luce senza ombra

l’arteria che comprime
e infrange la materia.








95 letture
0 commenti

nessun commento presente

pubblicato il 2017-02-26 alle 16:09:31