copertina

upstaris

sezioni

gu legge


utenti registrati 107


patologia m
nel tempo libero sto lavorando a questo sito di fotografie. tipo che pubblichi le foto del matrimonio. franco e' il mio ragazzo. bel ragazzo. nel sito ci voglio mettere cose belle. in particolare adesso sto facendo il sistema di apload dei file. voglio che sia speciale. franco e' speciale. una volta mi ha detto di comprare un frustino. ho scoperto che con giavascript non puoi conoscere la dimensione del file. per questioni di sicurezza, credo. quella volta a casa col frustino, mi ha detto di spogliarmi che mi aspettava di la in soggiorno. per conoscere quanto e' grande l'immagine che stai per aploadare, senza passare per il server, devi ricorrere a qualche stratagemma. una volta in soggiorno, franco era seduto in poltrona. il frustino in mano. mi ha fatto avvicinare alla poltrona. lo stratagemma che ho trovato in rete, sul quale sto spendendo le mie energie al momento, e' ricorerre ad un muvi actionscript, che poi sarebbe il linguaggio di flesc. facendomi piegare in avanti. mi ha annusato il buco del culo. e dicendomi incazzato che non era abbastanza pulito, mi ha dato qualche colpo col frustino. poi pero' ha lasciato che mi accucciassi davanti a lui a succhiarglielo. dicevo, tramite questo stratagemma, in qualche modo viene istanziato un oggetto flesc, che non ha tutte queste seghe mentali della sicurezza. Evidentemente, perche' da flesh puoi accedere alla dimensione del fail. ah si, e quella volta alla levis? dovevo prendere dei gins. una volta dentro al camerino, franco mi aveva detto di lasciare la tendina un po' aperta. di stare li, con la parte di sotto nuda. di tanto in tanto piegarmi in avanti. accendendo alla dimensione del file, puoi fare un po' di cosette, tipo fare il resoconto di tutto l'apload che l'utente sta facendo. per dirgli, eventualmente, no cocco, tu vuoi troppo: non hai mica pagato. paga prima, e poi uploadi tutta quella roba. franco c'ha l'occhio lungo, aveva visto che il tipo davanti al camerino affianco allungava lo sguardo dentro il mio, mentre alla moglie dava giudizi su come gli stavano varie magliette. poi non so come, franco gli ha fatto un cenno. e lui ha tirato dentro la mano, si cara, questo ti sta proprio bene. e intanto mi palpava ben bene il culo. che io stavo quasi per venire.
---
rileggo. soffro come un cane. non c'e' speranza. non sono degno. non ce n'e' per me. ma, fanculo, pubbrico per contratto.







2546 letture
7 commenti

mostra commenti

pubblicato il 2007-11-28 alle 15:17:29