copertina

upstaris

sezioni

gu legge


utenti registrati 107


patologia i
ho avuto esperienze molto eccitanti con la mia compagna di banco. lei mi raccontava dei suoi amori. io le facevo il pedicure. smalto rosso. quasi tutti dei fighi mostruosi. ho sempre invidiato i tipi della mia compagna di banco. perche' se la scopavano vigorosamente. limatina all'unghia dell'alluce. almeno stando ai suoi racconti, il mio cazzo era una miniatura venduta con le dispense in edicola. il primo numero solo tremila lire. il te si freddava sul tavolino accanto alla poltrona. inginocchiato davanti a lei. non le ho mai parlato di questo mio complesso d'inferiorita'. alla mia compagna di banco. ma lei lo aveva capito. via calli e duroni. di quando, su una spiaggia della costa azzurra, il tennista riccone le aveva proposto un uccello francese. lei se lo era puppato ben bene. la mia compagna di banco. piacevoli confessioni. si portava la tazza fumante alla bocca, e gli tornava in mente il tipo a cui aveva mostrato le mutande solo per scommessa. voleva dimostrare alla sua amica gilda quanto fossero idioti i maschi. ci era riuscita. lo aveva fatto aspettare tutta la notte nel camerico della rinascente. chiuso dentro dopo l'orario di chiusura. spetta li, c'ho molta voglia. spetta che arrivo. la mia compagna di banco. pervasa dalla voglia di cazzo, quasi mai. era solo per sport. me lo faceva diventare sempre duro. non ti piace questa tinta di rosso? ok. spetta che c'ho l'acetone. ne ho comprati quindici tonalita' diverse, di rosso. una di nero. e tre bianchi diversi. te li faccio provare tutti. una per una, tutte le dita dei piedi. finche' non trovi quello che ti piace. altrimenti faccio ancora in tempo, forse. esco ne compro degli altri. la mia compagna di banco. era rigorosamente in minigonna. e le mutande le mostrava anche a me. cosi' per sport. con un cazzo duro come il marmo, le chiedevo raccontami ancora della gita in barca con marcel. va bene questo rosso? finche' tra un'inculata ed un pompino, lei decideva che oggi ho voglia di blu. sei ancora in tempo. la merceria qui sotto chiude tra dieci minuti. corri. il cazzo duro e il pulsante terra. deliziosi pomeriggi.







2598 letture
8 commenti

mostra commenti

pubblicato il 2007-05-28 alle 17:54:25